L'invidia del cretino per l'uomo brillante trova sempre qualche consolazione nell'idea che l'uomo brillante farà una brutta fine. (Max Beerbohm, 1911)
NORMATIVE SULL' ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA IN BASILICATA
ABOLITA L' AUTORIZZAZIONE DELLA PROVINCIA AI PESCATORI NON RESIDENTI IN BASILICATA.
Con l’entrata in vigore della legge regionale n. 20 del 9 luglio 2009 - Tutela e sviluppo della fauna ittica e regolamentazione della pesca nelle acque pubbliche interne della Basilicata - si sottolinea in particolare, fra le diverse modifiche, che l’autorizzazione alla pesca ai non residenti in Basilicata, da parte della Provincia di Potenza, è stata abolita, per cui si può esercitare la pesca liberamente purché muniti di licenza di pesca incorso di validità rilasciata dalle Province di residenza.

RILASCIO DELLA LICENZA DI PESCA SPORTIVA
L’esercizio dell’attività di pesca sportiva è subordinata al possesso della licenza di pesca rilasciata nella Provincia di appartenenza (Potenza e Matera).
I minori di anni diciotto (18), purchè accompagnati da persona munita di licenza in corso di validità, sono autorizzati all’esercizio della pesca senza la relativa licenza.
Le licenze di pesca sportiva si dividono in tre categorie: B, C, D.
La licenza di pesca cat. B è rilasciata a tutti coloro che ne fanno richiesta e consente l’uso dei seguenti attrezzi: canna con o senza mulinello, tirlindana, bilancia di lato non superiore a metri 1,50.
La licenza di pesca di cat. C è rilasciata a tutti coloro che ne fanno richiesta e consente l’uso dei seguenti attrezzi: canna fissa, bilancia di lato non superiore a metri 1,50.
La licenza di pesca di cat. D è riservata agli stranieri, ha vadilità di tre (3) mesi e consente l’uso dei seguenti attrezzi: canna con o senza mulinello, tirlindana, bilancia di lato non superiore a metri 1,50.
La licenza di pesca cat. B ha validità di sei (6) anni dalla data di rilascio e può essere rinnovata annualmente, previo versamento di Euro 22,72 sul conto corrente postale n. 218859 intestato a “Regione Basilicata - Servizio Tesoreria”.
La licenza di pesca di cat. C ha validità di sei (6) anni dalla data di rilascio e può essere rinnovata annualmente, previo versamento di Euro 13,17 sul conto corrente postale n. 218859 intestato a “Regione Basilicata - Servizio Tesoreria”.
La licenza di pesca cat. D ha validità di tre (3) mesi dalla data di rilascio e si ottiene previo domanda in bollo da Euro 10,33 alla Provincia, con allegata una marca da bollo da Euro 10,33, copia del passaporto e versamento di Euro 8,52 sul conto corrente postale n. 218859 intestato a “Regione Basilicata - Servizio Tesoreria”.
I titolari di licenza di cat. B e C non sono obbligati a pagare la tassa regionale annualmente purchè nell’anno di mancato pagamento non esercitino la pesca sportiva.
Settore Attività Produttive - Ufficio Politiche Ittico-Venatorie: Piazza delle Regioni, 1 - 85100 Potenza.
L' Ufficio Politiche Ittico-Venatorie è aperto al pubblico:
dal Lunedì al Venerdì dalle ore 11,00 alle ore 13,00
il Martedì ed il Giovedì anche dalle ore 16,00 alle ore 18,00.
.
PESCA ALLA TROTA
La pesca sportiva alla trota nel territorio della Regione Basilicata si apre la prima domenica di Febbraio e si chiude la prima domenica di Settembre e si può esercitare in tutti i corsi d’acqua ed invasi del territorio regionale.
Per le altre specie occorre informarsi sugli eventuali periodi di chiusura dei divieti in determinati corpi d’acqua.

PESCA SPORTIVA NELLA RISERVA NATURALE PANTANO DI PIGNOLA
L’esercizio della pesca sportiva nel lago Pantano di Pignola è consentito a coloro che abbiano richiesto ed ottenuto apposito permesso, nel periodo dall’1 Gennaio al 15 Aprile e nel periodo dall’1 Luglio al 31 Dicembre di ciascun anno solare nei giorni della settimana di Domenica, Lunedì, Martedì e Giovedì dalle ore 9,00 fino ad un’ora dopo il tramonto.
Il titolare del permesso può effettuare a scelta tre (3) giorni di pesca sportiva nel corso della settimana ed un (1) solo turno a scelta nelle fasce orarie prestabilite per ciascun giorno prescelto. La pesca sportiva nel lago del Pantano è consentita solo con un massimo di due (2) canne per ogni pescatore ed è vietato:
- l’uso di esche quali rane ed anfibi nonché bigattino, sangue o uova di salmone, moschere, camolere, tirlindane;
- la pasturazione e la pesca con bilance e reti;
- l’uso di sostanze chimiche o esche trattate chimicamente;- la pesca al di fuori dei periodi e tempi stabiliti;
- la pesca quando il lago si presenta gelato o con le sponde innevate;
- la pesca sulle opere idrauliche, gli sbarramenti, le isole galleggianti, sulle strutture di visita, nei canneti e nelle aree in genere non espressamente segnalate per la pesca;- l’uso di qualsiasi imbarcazione, fatte salve quelle di servizio e manutenzione idraulica e naturalistica;
- l’abbandono di rifiuti, lenze, filo, piombo, esche, ecc.;
- l’inoltrarsi nel lago, fatte salve le fasi di lancio e recupero.
Il titolare di licenza di pesca sportiva può chiedere alla Provincia di Potenza il permesso per la pesca nel lago Pantano di Pignola.
Il rilascio di tale permesso avviene su domanda dell’interessato in carta semplice, previo versamento della somma di Euro 5,16 sul Conto Corrente Postale n. 12140851 intestato a: ”Provincia di Potenza - Ufficio Pesca” e la causale “pesca sportiva nel lago Pantano di Pignola”.
Il permesso rilasciato dalla Provincia di Potenza ha validità di un (1) anno, contiene le generalità del pescatore e deve essere esibito, su richiesta degli addetti al controllo, unitamente alla ricevuta del versamento ed alla licenza di pesca.
Normativa di riferimento: Regolamento della Provincia di Potenza “Riserva naturale Lago di Pignola”, pubblicato sul B.U.R. n. 47 dell’ 1/9/1997.